Settimana di accoglienza progetto Erasmus+ SOS SUSTAIN OUR SOULS “HealthyEating, the Art of Eating”

L’Istituto Augusto Righi, nell’ambito del progetto Erasmus+ KA229 dal titolo “S.O.S. SUSTAIN OurSouls”, ha ospitato dal 8 al 12 aprile le delegazioni delle scuole partner straniere provenienti da Germania, Grecia, Romania, Spagna e Polonia.

Tutte le delegazioni sono state accolte all’aeroporto di arrivo dalla coordinatrice nazionale del progetto, prof.ssa Luisa Cusumano, da altri insegnanti e dagli studenti con le rispettive famiglie ospitanti.

La mattina dell’8 aprile, presso l’Aula Magna dell’Istituto la Dirigente Scolastica, dott.ssa Iole De Marco, coadiuvata dalla coordinatrice nazionale e dal coordinatore internazionale del progetto Erasmus+ della Germania, Frank Schmidt, hanno presentato il progetto alle autorità intervenute, ai dirigenti scolastici, alle delegazioni straniere, ai docenti ed ai rappresentanti scolastici dell’Istituto, nonché agli studenti che hanno partecipato attivamente al progetto accompagnati dai rispettivi genitori.

Erano inoltre presenti rappresentanti delle associazioni culturali ed ambientali interessate e delle imprese turistiche con le quali l’Istituto ha stabilito una partnership.

Il precitato progetto, nel quale l’Istituto Righi è partner, è stato approvato ed interamente finanziato dalla Comunità Europea.

I progetti Erasmus, come noto, sono dei partenariati tra Istituti scolastici di durata biennale, finanziati dalla Comunità Europea, che sono finalizzati allo sviluppo di una o più tematiche individuate tra le priorità indicate dalla Comunità Europea per il settore dell’istruzione scolastica.

L’incontro è stato incentrato sulla tematica della sana alimentazione e, in particolare, della Dieta Mediterranea.

E’ quindi intervenuto il Consigliere comunale Michele De Martino, delegato del Sindaco alla Pubblica Istruzione, che ha portato i saluti dell’amministrazione comunale sottolineando nel suo intervento l’importanza dei progetti Erasmus Plus e degli scambi culturali tra i giovani europei esprimendo parole di apprezzamento per queste iniziative che costituiscono un importante mezzo per far conoscere il nostro patrimonio culturale ed ambientale. 

I lavori sono poi continuati con l’autorevole relazione del dott. Mauro Magno, Responsabile della struttura semplice di scienza dell’Alimentazione e Dietetica e della struttura complessa di Endocrinologia dell’Ospedale SS Annunziata di Taranto, sul tema “La Dieta Mediterranea”. Il dott. Magno è infatti uno dei massimi esperti nel campo dell’alimentazione, o per meglio dire, della buona alimentazione.

Nel suo intervento dal titolo “Dieta mediterranea tra cibi tradizionali e salute”, il Dott. Magno ha illustrato la storia, la cultura, l’identità e il patrimonio di questo modello culinario che è ben rappresentato dalla cucina tradizionale pugliese.

La prof.ssa Cusumano ha quindi proceduto a presentare le delegazioni ed i rispettivi coordinatori fornendo informazioni più specifiche sugli obiettivi del progetto e sulle attività da svolgere nel corso della settimana.

Gli studenti di ogni delegazione hanno fornito una visione panoramica delle rispettive scuole e dei sistemi educativi nazionali quindi le loro presentazioni si sono concentrate sulle abitudini alimentari e sulle ricette salutari di ogni paese partner. Questa attività ha permesso ai partecipanti di evidenziare somiglianze e differenze tra gli stili di vita, tradizioni e culture dei diversi paesi.

Si è quindi proceduto alla visita della scuola conclusasi con un pranzo a buffet in stile italiano a scuola preparato da docenti e genitori.

Nel pomeriggio le delegazioni sono state ricevute nella Sala degli Specchi del Municipio dal capo di Gabinetto presso il Comune di Taranto,  che ha fatto omaggio a tutti i coordinatori dello stemma del Comune di Taranto.

La giornata si è conclusa con la visita culturale al Castello di Aragonese e al Museo Archeologico Nazionale MarTA.

Martedì, In collaborazione con Jonian Dolphin Conservation, si è avuto modo di partecipare ad una attività orientata alla tutela ambientale, in particolare all’importanza della conservazione del patrimonio marino.

Gli equipaggi dei mezzi navali erano infatti costituiti da esperti ricercatori marini che hanno fornito interessanti informazioni sulla flora e la fauna dei due mari di Taranto, coinvolgendo i partecipanti nella raccolta di dati che sono stati analizzati per attuare la protezione dei cetacei del nostro mare.

In Mar Piccolo i partecipanti hanno imparato a conoscere i “citri”, le sorgenti di acqua dolce carsica che hanno determinato lo sviluppo di un’acquacoltura intensiva di cozze che costituisce un importante settore dell’economia locale.

Nel pomeriggio gli studenti, suddivisi in gruppi misti hanno partecipato a diversi workshop finalizzati alla realizzazione dell’ e-book conclusivo.

In particolare la prof.ssa Emanuela Lo Savio, ha spiegato le proprietà delle soluzioni chimiche e gli strumenti da utilizzare negli esperimenti e la loro importanza per determinare la qualità e la freschezza di alcuni alimenti come il latte, il pane ecc. Poi gli studenti sono stati guidati a fare 4 diversi esperimenti pratici sugli alimenti.

Nella giornata di mercoledì si è svolta la visita presso la fattoria ecologica “Masseria del Duca” scelta in quanto unisce la professionalità nel settore alimentare unita alla responsabilità nel tutelare la salute umana, la salute ed il benessere degli animali e l’ambiente.

Inoltre i laboratori didattici presenti presso la struttura hanno fornito ai giovani studenti un’esperienza pratica della storia, delle attività e delle tradizioni della regione Puglia.

Con tale visita si è voluto conseguire i seguenti obiettivi:

  • promuovere il patrimonio agricolo locale che garantisce alimenti freschi, sani e stagionali;
  • incoraggiare l’uso di alimenti biologici locali nella preparazione dei pasti;
  • promuovere l’idea della spesa a “chilometro zero” incoraggiando l’acquisto diretto presso il piccolo produttore situato nella propria zona; 
  • fornire un esempio di economia sostenibile.

Durante la visita di studio i partecipanti hanno avuto modo di assistere alle attività di allevamento lattiero-caseario con due laboratori per la produzione di formaggi.

In particolare nel “laboratorio del casaro” hanno guardato e hanno preso parte in prima persona nel processo di mungitura a mano degli animali, di produzione delle mozzarelle, inoltre i partecipanti sono stati guidati a fare il formaggio dal latte appena munto scoprendo i vantaggi del formaggio fatto in casa che ha un sapore diverso rispetto a quelli venduti nei negozi.

Giovedì le delegazioni hanno fatto visita ad Otranto e Lecce.

Nella giornata di venerdì gli studenti hanno inizialmente preparato i resoconti di ciò che avevano fatto durante i precedenti workshop che saranno aggiunti all’e-book per poi fare visita nella seconda metà della mattinata all’Istituto Alberghiero “Mediterraneo” di Pulsano.

I partecipanti hanno assistito a dimostrazioni culinarie per la preparazione di piatti internazionali.

Poi, nella splendida cornice del Castello di Pulsano, hanno imparato alcune tecniche di cottura, illustrate dagli studenti dell’Alberghiero con gli insegnanti Gabriella Pace e Chiara Sgobba. A seguire il pranzo internazionale a buffet.

Ogni paese partner aveva precedentemente scelto un piatto tradizionale da includere nel menu per l’evento. I piatti preparati dai cuochi esperti della scuola e dei loro studenti sono stati presentati nella sala del castello dove è avvenuta la degustazione del ricco buffet.

Ritornati al Righi è stata allestita una attività dimostrativa di preparazione di pasta fatta in casa, le classiche orecchiette, ed i tipici dolci di Pasqua tarantini: le “scarcelle”.

Infatti, in partnership con la Pro loco di Statte, i partecipanti hanno imparato a fare “orecchiette”, la tipica pasta artigianale pugliese. A tutti i partecipanti è stata offerta una scarcella e le orecchiette per portare a casa e condividere questa tradizione pugliese con le loro famiglie.

Successivamente la cerimonia di chiusura con la degustazione dei dolci preparati per l’occasione dalle famiglie dei ragazzi ospitanti.
Al termine dei lavori verrà realizzato dagli alunni partecipanti un libro elettronico di ricette tradizionali, scelte tra le più semplici e salutari, da diffondere ai giovani europei.
Si ringraziano le famiglie e i docenti che hanno contribuito al successo di questa esperienza.

I docenti : Maria Luisa Cusumano,  Angela D’Oria,  Antonella Sibilio, Teresa Frascella,  Irma Troso,  Patrizia Sabatino,  Rita Bianchi, Emanuela Lo Savio,  Claudio Barnaba, Paola Langella, Paola Calabrese.

Gli alunni:  Amodeo Martina, Amoruso Alessio, Antonante William,   Bongiovanni Luca, Carafa Pasquale,, Caputo Rossella, Cisternino Mirko, Di Noi Gianluca, Giosa Andrea, Giove Salvatore, Guarini Giulio, Ingenito Gabriele, Nicoletti Domenico, Padovan Nadia, Pavone Lorenzo, Petrosillo Gianmarco, Petruzzi Gianmarco, Sacchetto Edoardo  ,Sangermano Luca, Scarcella Martina, Scarciglia Danilo, Sgura Marco, Solito Simone, Taurino Francesco , Tedesco Lorenzo, Vadacca Giovanni, Vinci Marco.

Video – Righi-settimana di accoglienza progetto Erasmus+ka229 SOS SUSTAIN OUR SOULS Taranto 8-12 aprile 2019